Come progettare un giardino per la casa

Come Progettare un giardino per la casa.

Un terreno vuoto e incolto intorno alla propria casa puo sembrare uno spazio da sistemare al più presto, da sicuramente fastidio vederlo così quando si potrebbe aver un bel giardino curato da fare invidia, anche per trascorrere del tempo all’aperto nella bella stagione. Non farti prendere dalla smania di iniziare subito pur di fare qualcosa, per progettare un giardino è necessario pensare bene a cosa si vuole ottenere molto prima di mettersi al lavoro.

Osserva e pianifica il giardino con calma

Osserva lo spazio che hai a disposizione ed immagina come vorresti vedere il tuo giardino, cambia la prospettiva guardando sia dall’esterno che dall’interno della casa. Una volta ultimato, lo spazio verde della tua abitazione sarà quello che hai creato in periodo dell’anno, anche nei mesi in cui non sarai fuori a godertelo.

Osserva come si muove il sole durante la giornata ed in quali punti arrivano i suoi raggi, è una delle cose più importanti che influenzano la vita delle piante e degli alberi che pianterai. I punti esposti a nord e ad ovest sono quelli che ricevono meno illuminazione in inverno e poco sole anche in estate: questo è fondamentale per la scelta delle specie da mettere a dimora, perchè ognuna ha delle esigenze particolari.

Se il giardino serve solo ad abbellire la casa con del verde o hai intenzione di dedicarti al giardinaggio con passione, forse per coltivare i tuoi fiori preferiti, dovrai fare scelte molto diverse nelle fasi successive.

Prendi un foglio di carta e disegna una mappa del giardino, anche se sarà grossolana ed imprecisa non preoccuparti, non devi vincere un premio in architettura del paesaggio! Segna i punti in cui ci sono dei dislivelli nel terreno, gli accessi dove passare per poter lavorare, dove vorresti avere ombra e dove magari prendere il sole o giocare con i bambini in un punto più riservato. Non dimenticare le finestre della casa sul giardino, pensando a cosa vorresti vedere dall’interno e cosa invece vorresti evitare.

Hai finito? Bene, esci fuori ed immaginalo completato: ti soddisfa o forse manca qualcosa?

Scegli lo stile del giardino

È il momento di pensare a quale stile vuoi dare al giardino, quello che si adatta meglio alla tua personalità o all’esteriorità della casa. Lo stile non determina solo l’aspetto generale del giardino, ma anche la forma degli spazi ed il modo in cui si relazionano tra loro. Gli stili moderni sono più adatti agli spazi piccoli, con linee geometriche precise e design più semplice, pochi elementi ma scelti molto bene. In questo modo sono funzionali e facili da curare, trasmettono ordine ed un senso di quiete, anche se a volte possono sembrare un po’ freddi.

Gli stili più rustici a prima vista possono sembrare quasi trascurati, più informali e spontanei, anche se in realtà sono ben studiati proprio per trasmettere quella sensazione. Hanno bisogno di una certa dedizione, sicuramente maggiore rispetto a quelli moderni. Uno stile paesaggista, in cui prevalgono forme sinuose ed armoniche, richiede indubbiamente grandi spazi e molto impegno per offrire il meglio di sé, ma è una scelta innegabilmente spettacolare per la sua bellezza.

Scegli i materiali da usare in giardino

Una volta scelto lo stile da adottare per il giardino, è il momento di scegliere i materiali e gli elementi che lo caratterizzeranno nel suo uso quotidiano, soprattutto nelle zone di passaggio.

  • Il prato non è sempre consigliato nelle superfici di passaggio perchè soffre il calpestio continuo, o nelle zone in cui si vogliono mettere dei mobili da giardino perchè rendono complicati l’irrigazione e la falciatura.
  • I mattoni o le piastrelle, di grandi dimensioni e su un letto di sabbia, possono essere una scelta funzionale e comoda, tutto sommato anche semplice ed economica.
  • Le tavole in legno come i pallet sono comode e pulite, non richiedono molta manutenzione ma possono essere piuttosto costose.
  • La ghiaia ed il brecciolino sono materiali di facile installazione, puliti, mantengono l’umidità del terreno e riducono le erbe infestanti. Si possono usare facilmente per delimitare dei percorsi e si possono cambiare senza grandi difficoltà.

Decidi cosa piantare nel tuo giardino

Dovrebbe essere l’ultimo passo, ci siamo quasi, a questo punto la scelta dovrebbe essere guidata anche dai gusti personali oltre che da quello che si vuole ottenere per il proprio giardino, senza dimenticare le esigenze di sole, luce ed acqua di ogni specie vegetale.

Alberi

Scegli i punti in cui collocare gli alberi anche in base alle dimensioni approssimative che avranno una volta cresciuti, alla loro forma e al punto in cui vorresti che facessero ombra. Tieni presente che una volta cresciuti potrebbero interferire con la casa, sia per i loro rami che per le loro radici. Spesso è meglio preferire specie di alberi che possono crescere liberamente, invece di altri che dovrai controllare con una potatura continua. È molto importante anche la scelta fra sempreverdi o caducifogli, che in autunno ed inverno avranno un aspetto più spoglio e richiederanno una certa pulizia dell’ambiente.

Cespugli e siepi

I cespugli contribuiscono alla struttura del giardino e ne alterano l’aspetto, offrono colore tutto l’anno con le foglie ed i fiori. Anche le siepi richiedono una potatura in alcuni periodi, ma si possono combinare facilmente nella progettazione del giardino e possono profumare con i loro fiori. Le specie rampicanti si possono usare per coprire brutte pareti senza togliere troppo spazio alle altre piante ornamentali.

Fiori e piante ornamentali

Con la scelta delle piante giuste il tuo giardino diventerà un meraviglioso spazio, piacevole ed equilibrato. Un errore comune nella scelta delle piante per il giardino è quella di cercare di coltivare ogni specie di pianta o di fiore che ci piace, finendo per renderlo disordinato e caotico, quasi sgradevole da vedere.

Per ogni pianta scegli almeno tre esemplari, non uno da solo, per ottenere eleganti combinazioni di colori ed un progetto armonico. Usa le siepi per definire gli spazi in cui vuoi suddividere le piante, con equilibrio, all’interno del giardino. Limita i colori, scegline solo due o tre per i fiori e scegli le piante in base a quelli, anche tenendo conto di come cambieranno nel corso delle stagioni.

Forma gruppi di colori e crea dei punti focali piacevoli da vedere: il giardino deve essere una gioia per gli occhi che lo guardano, non qualcosa di confuso e caotico. Tutti gli elementi presenti devono invogliare a guardare sempre di più, in questo puoi aiutarti anche con componenti decorativi da aggiungere al giardino, come per ricreare uno scenario incantevole di cui andrai orgoglioso.