L’orto a gennaio

L'orto a gennaio, semi e piatine in inverno.

Il mese di gennaio segna l’inizio dell’anno e della pianificazione dell’orto per godere dei suoi frutti nei mesi successivi. In questo mese è importante eliminare le erbacce, le foglie cadute e la vegetazione superflua, mettendole in un composter invece di bruciarle come fanno in molti, perchè comporta dei rischi oltre che un inquinamento atmosferico evitabile.

Gennaio è un buon momento per progettare le coltivazioni per la stagione successiva, considerando le rotazioni delle colture e le pause da concedere al terreno. Prova a pensare anche a nuove varietà da piantare per variare le specie coltivate e mettere alla prova le tue capacità. Controlla lo stato del terreno e se ti sembra che abbia delle carenze, questo è un ottimo momento per concimarlo e migliorare la fertilità per il resto dell’anno.

Cosa piantare nel mese di gennaio

Se vivi dove il clima è più temperato, in una regione meridionale, puoi seminare le bietole ma anche l’aglio, la lattuga, le rape, patate e carote. Se hai già piantato la lattuga nel tuo orto, proteggi le piante dal gelo e dalle basse temperature. Non sai come fare? Allora dovresti leggere il post “come proteggere le piante dal freddo dell’inverno e dalle gelate”.

Miniserra per vasi di semi.
Miniserra per vasi di semi su Amazon
Nelle regioni più calde si inizia a piantare le erbe aromatiche e da essenza: rosmarino, timo, maggiorana, coriandolo, anice, salvia. Si seminano in vasetti o cassette in luoghi caldi e riparati le piante di basilico. In un semenzaio si seminano le varietà primaverili di lattuga e le varietà estive di cavolo verza; il trapianto si fa circa 40 giorni dopo.

Per la coltura anticipata, si può seminare in serra o in vasetti di torba al riparo i cetrioli, i meloni e le zucchine su un terriccio ben umidificato, mettendo un paio di semi per vasetto e lasciando poi crescere una sola piantina. I trapianti si fanno verso la fine del mese di marzo.

Preparare i semi e le piantine

Come ho già detto gennaio è il punto di partenza da cui dipende il futuro raccolto dei prodotti del nostro orto in primavera ed estate, per questo è fondamentale la preparazione dei semi e del semenzaio per avere delle buone piantine quando arriva il momento giusto.

La maggior parte degli ortaggi che si raccolgono in primavera-estate (pomodori, zucchine, melanzane, etc.) possono essere piantati in un semenzaio all’inizio dell’inverno prestando cure e attenzioni comunque essenziali. Prima di tutto dobbiamo verificare di quali semi disponiamo, magari ottenuti dal raccolto precedente, e se è il caso di acquistarne di altri.

Serra riscaldata per germinazione in inverno.
Serra riscaldata per germinazione 38x24cm su Amazon
Il più grande nemico in questo mese sono le basse temperature che inibiscono la germinazione e arrestano la crescita. Per evitare questo problema, i semi si possono proteggere con una struttura in plastica o in vetro come per esempio una piccola serra che migliori l’umidità e la temperatura. Un semenzaio riscaldato è un buon metodo per le zone dove il clima è più rigido, anche con l’aiuto del calore prodotto dalla fermentazione del concime fresco per mantenere la temperatura superiore ai 10°C.

Nelle zone più calde alcune colture come i ravanelli, le carote, l’aglio, il prezzemolo, la rucola o i cavoli, possono essere seminate direttamente in terra, facendo una pacciamatura al terreno con paglia e altro materiale per affrontare meglio le gelate. Il compito più difficile di questo mese per chi coltiva un orto è proteggere i semi per poter avere un buon raccolto successivamente.